Volo a Vela

Il Gruppo Volovelisti Veronesi sorse verso la fine del 1951 per iniziativa di alcuni ex Allievi Piloti dei Nuclei Aliantisti Militari dell’Aeronautica (Regia Aeronautica): Sergio Castelli, Enzo Franchini, Vincenzo Partesotti, Gianantonio Pasini, Mario Zonato. Era formato da nove soci: Sergio Castelli, Giovanni Fornaser, Sergio Girelli, Vincenzo Partesotti, Gianantonio Pasini, Giuseppe Toson (già istruttore della Scuola di Volo senza Motore di Bovolone), Tranquillo Turrina, Sergio Zecchinelli e Mario Zonato. Zonato fu nominato presidente e teneva i collegamenti con l’Aeroclub, (all’epoca era presidente il Conte G. Giacomo Murari). Furono acquistati due alianti. Il primo fu il CAT 20, matricola I-ZAGO, che necessitava di un completo rifacimento, poi fu la volta di un Allievo Cantù (n. 445), anch’esso da riparare e restaurare. In tempi successivi, i veleggiatori furono portati a Pescantina, presso l’abitazione di Fornaser, dove vennero sottoposti ai lavori che furono eseguiti da Nello Biacchi, un ex specialista dell’aeronautica, con l’assistenza di Fornaser, Partesotti e Zecchinelli. La sorveglianza tecnica fu affidata all’ing. Foroni, del Registro Aeronautico di Venezia. In seguito fu procurato un auto verricello su telaio Fiat 522, già della Scuola di Volo senza Motore di Bovolone, anch’esso portato a Pescantina, presso l’officina Danzi per il ripristino dell’efficienza. L’autovericello fu dotato di un nuovo cavo di acciaio della lunghezza di 1200 metri. Ambedue gli alianti compirono numerosi volo, per collaudo e manifestazioni, pilotati da Bepi Toson. Il CAT 20 si danneggiò due volte in atterraggio. Dopo il secondo incidente (giugno 1953) e nell’impossibilità di iniziare una normale attività per questioni burocratiche, il Gruppo si sciolse. Il veleggiatore CAT 20 fu venduto al Gruppo Aeromodellisti Roveretani dell’Aeroclub di Trento. L’Allievo Cantù, smontato, fu accantonato in un locale dell’Aeroclub, dove se ne persero le tracce. Nel 2012, dopo un lungo lavoro di organizzazione il nuovo Gruppo Volovestico Veronese riceve dall’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile) la certificazione operativa della propria Scuola di Volo a Vela, che torna ad operare dopo 15 anni dalla chiusura di quella dell’Aeroclub di Verona.


Pietro Cossali