Serg. Pilota Riccardo Casellato di Verona

Sergente pilota della 3^ Squadriglia Caproni. Come soldato arrivò alla 3^ l'8 marzo 1918, proveniente dalla scuola piloti di Cascina Costa. La prima azione di guerra la compie il 18 maggio con il Caproni Ca.1185, dal campo di Aviano, per un bombardamento del paese di Fosorica. Nella missione successiva, del 23 maggio, pilota (secondo) il Ca.1254, che è attaccato da un velivolo austriaco. Grazie anche all'aiuto di un caccia riesce ad allontanarlo, ma il velivolo viene colpito dalla contraerea alle ali, ma riesce a rientrare. Sabato 4 agosto insieme ad altri 2 velivoli vanno ad attaccare la piazzaforte di Pola. Il velivolo di Casellato ha presto una inefficienza al motore centrale e non riesce a portarsi ad oltre 1500 metri di quota.Diminuendo ancora il rendimento degli altri due motori, dopo essere stato attaccato da un idrovolante austro-ungarico, bombarda Cittanova e rientra alla base. Ritorna su Pola la notte del 9 agosto, dove, ricercato dai fari e soggetto ad un violento fuoco di contarerea, il velivolo viene di nuovo colpito. Il giorno dopo è di nuovo in volo con lo stesso velivolo (2394) ed appena passate le linee viene colpito ai apini di coda dal fuoco antiaereo che ferisce lievemente il mitragliere Vernizzi. L'equipaggio continua la rotta verso l'obiettivo ma non potendo manovrare è costretto a fare ritorno dopo aver bombardato la zona di Batele e Logovitz. Viene colpito dalla contraerea anche il 19, con danni che costringono al rientro. Il 23 agosto parte alle 18.10 con il vicentino tenente Sambo per colpire la stazione di Grahovo. Un preciso fuoco contraereo insegue l'unità colpendola in vari punto. Sulla via del ritorno sono attaccati da un velivolo nemico da cui si libera con raffiche di mitragliatrice. E' di nuovo colpito alle ali destre dal fuoco della contraerea anche due giorni dopo e successivamente nel volo del 4 settembre. Ritorna in volo il 3 novembre e il 5 dicembre la squadriglia viene trasferita al campo di Padova per azionin principalmente da svolgere sulla zona degli altipiani. Dal 24 dicembre la squadriglia cessa le azioni sul fronte italiano ed inizia la preparazione per il trasferimento , il 9 gennaio 1918, in Francia sul campo di Longvic. Passato poi su altri campi francesi vi rimase fino al termine delle ostilità. Fu decorato con Medaglia d'Argento al Valor Militare e successivamente di MBVM.